Kite e Sail nel Mar Mediterraneo e nell’Oceano Atlantico – Da Maiorca alle Isole Canarie

A volte le cose vanno diversamente da quanto ci si aspetta. In realtà, il nostro piano iniziale (York e Jürgen, i due fondatori di KiteWorldWide con quattro amici) era quello di navigare con il catamarano di KiteWorldWide, il Tonia, l’ultima parte della traversata dal Mar Baltico alle Isole Canarie, che sarebbe dovuta iniziare a Tarifa. Volevamo dare il benvenuto a Linus Erdmann (il nuovo Teamrider di KiteWorldWide) e alla sua fidanzata Loni , che insieme allo skipper Tobi e Kathi stavano andando da Amsterdam a Tarifa con il catamarano.

Poi c’ è stato l’ uragano “Ophelia”. E il Tonia è rimasto bloccato a Brest.

I voli erano già prenotati, era un compleanno di pietra miliare ed abbiamo deciso che in qualche modo avremmo spaccato lungo la costa marocchina. Così iniziò la ricerca di un altro catamarano. Anche per il KiteWorldWide Sail & Kite Tour alle Canarie, iniziato il 4 novembre. Solo nel caso vi sia sfuggito…

Chi cerca trova! Un po’ più grande del Tonia, il “Laguna 500” con una lunghezza di 16 m e una larghezza di oltre 8 m.

 

Come già detto, abbiamo iniziato a Maiorca. Il catamarano era nel porto turistico di El Arenal con il famigerato locale “Ballermann” appena dietro l’angolo: Naturalmente eravamo tutti felici quando il giorno dopo è iniziato il viaggio. La prima destinazione era Formentera, perché le previsioni meteo promettevano vento. In un primo momento con il foil ed una 12 m, ma poi il vento è aumentato molto e abbiamo disimballato le tavole da onda e le twintips. Il blu turchese e l’acqua limpida ci hanno fatto sentire impazienti per il tour di febbraio in barca a vela e kite ai Caraibi.

Ma c’ erano ancora circa 1.200 miglia nautiche davanti a noi e al tramonto era il momento di salpare per Tarifa.

 


Quello che seguì fu:”Sail, Kite, Surf, Eat, Sleep, Repeat”. Beh, con neanche tanto “sleep”, perché il nuovo catamarano era pronto per il ritiro a Maiorca e così abbiamo dovuto coprire 400 miglia nautiche in più. In soli 11 giorni. Ciò significava navigazione notturna e guardia notturna. Per ciascuno di noi. Dalle 10 alle 2, dalle 2 alle 6 e dalle 6 alle 10. Sempre 2 persone. Quattro ore al buio. Ogni notte. Le stelle erano bellissime, ma non ci servivano per la navigazione perchè fortunatamente eravamo dotati di carte elettroniche, AIS, GPS e altre cose.

Non preoccupatevi, I Sail & Kite Tour di KiteWorldWide sono molto più rilassati, ma è stata anche un’ esperienza fantastica navigare il catamarano durante la notte.


Nelle prossime parti di questa serie di blog vi racconteremo come abbiamo fatto kite e wakeboard in mare aperto, la fantastica sessione di kite a Tarifa, surfato e fatto kite ad Essaouira e infine navigato attraverso l’Atlantico per Lanzarote – accompagnati dai delfini.